Categoria: News

Ryanair torna a offrire voli da/per Rimini

Le rotte sono ancora sconosciute e per avere ulteriori informazioni bisognerà aspettare fino ad autunno, ma è stato annunciato che Ryanair ha in mente una nuova interessante programmazione in vista del prossimo anno. Per la stagione primavera-estate 2018, la compagnia irlandese leader del settore aereo in Italia, tornerà a volare su Rimini. E’ stato infatti preso un accordo con AiRiminum 2014, società che gestisce l’aeroporto della città emiliano-romagnola. L’idea è quella di puntare tutto su un nuovo piano di crescita del Fellini.

Dopo il fallimento riparte l’aeroporto di Rimini grazie a Ryanair

Dopo una lunga attesa di quattro anni dal momento del fallimento (al tempo era Aeradria il gestore) e in seguito alla fase di start-up complicata di AiRiminum, l’aeroporto di Rimini-Miramare aspettava di poter tornare a volare. AiRiminum si è assicurata, da neofita, all’asta un’infrastruttura aeroportuale e adesso è pronta a offrire collegamento verso l’Europa, appoggiandosi proprio a Ryanair.

Bisognerà aspettare però la prossima stagione primaverile, per puntare tutto sull’estate 2018.

Aperto Un Sigep Da Tutto Esaurito E Grandi Star Del Settore

Attesi 150mila visitatori professionali e tanti big, da Buddy Valastro a Valeria Marini, che si collega domenica per ‘Quelli che il calcio”

RIMINI – Cinque giorni all’insegna dei colori, degli odori e pure dei rumori, ma soprattutto dei sapori. E’ il gusto, infatti, a dominare la 35esima edizione del Sigep, il Salone internazionle dedicato alla gelateria, pasticceria e panificazione artigianali, aperto sabato mattina alla Fiera di Rimini dove continuerà fino a mercoledì 22 gennaio.

Cinque giorni dai quali si può guardare all’economia italiana, forse, con un po’ più di serenità, sicuramente con più… dolcezza, quindi anche speranza e un soffio di allegria, tra pasticceri-star, concorsi tra barman ed esercizi di fantasia e creatività come la torta più piccola del mondo o la statua di Papa Francesco scolpita nel cioccolato a dimensione naturale. A tagliare il nastro – non a caso – il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, che, prima di dimostrare la sua passione per il gelato (“mi conoscono bene in molte gelaterie della mia città”, ha detto) nel corso della sua passeggiata tra gli stand, ha sottolineato l’importanza di questo settore. “In questo campo ci distinguiamo perché non ci possono imitare – ha detto il ministro – o ci imitano con risultati scadenti. Noi esportiamo cultura industriale diffusa, che tiene insieme la qualità e la ricerca delle novità. Abbiamo cercato di aiutare questo settore” guardando all’Expo 2015.

Contro il Lavoro Nero, Imprese a Punti

Pazzaglia (Sel-Fc) chiede di istituire, con la tassa di soggiorno, un fondo per chi denuncia lo sfruttamento

RIMINI Questa volta in consiglio comunale sono tutti d’accordo. O almeno così sembra. Il Comune deve intervenire in tutti i modo possibili per arginare il fenomeno del lavoro nero.
Il tema, caldo, è stato discusso ieri durante la seduta del consiglio comunale tematico. La proposta di convocazione è partita dalla minoranza, in particolare Fabio Pazzaglia (Sel e Fare comune), ma ha trovato terreno fertile anche tra i banchi della maggioranza. Ed è proprio da qui che è uscito un ordine del giorno che impegnava il sindaco Andrea Gnassi a dare del proprio meglio per contrastrare lo sfruttamento del lavoro.

CIAVATTA E BECCARI SONO I NUOVI REGGENTI

La nomina è avvenuta ieri. L’ex segretario di Stato per gli Affari Interni è alla sua seconda esperienza come capo di Stato. Prima volta per il collega

san marinoValeria Ciavatta di Alleanza popolare e il democristiano Luca Beccari sono i Capitani Reggenti per il prossimo semestre, dall’1 aprile all’1 ottobre.Ieri c’è stata la nomina da parte del Consiglio grande e generale, al termine del rituale tradizionale che vede i consiglieri prima recarsi in processione alla basilica del Santo per farsi ispirare nella scelta e poi tornare in aula per la votazione a scrutinio segreto. Dopo tre squilli di tromba il Segretario di Stato per gli Affari Interni, Gian Carlo Venturini, ha poi dato l’annuncio dal balcone centrale del Palazzo Pubblico recitando la consueta formula di rito.Una cerimonia antichissima che affonda le sue radici nella notte dei tempi, ovvero agli albori della storia repubblicana.Il primo aprile ci sarà quindi la cerimonia di insediamento che vedrà come oratore ufficiale il presidente della Corte europea dei Diritti dell’uomo, Dean Spielmann.Valeria Ciavatta, alla sua seconda esperienza come reggente dopo quella del semestre ottobre 2003-aprile 2004, è diplomata al liceo classico e laureata in giurisprudenza. E’ sposata e ha due gemelle.Dal 1984 è funzionario dell’Ufficio del Registro e conservatoria dove, con funzioni di vice direttore, è stata responsabile anche dell’analisi dei processi e della innovazione tecnologica.E’ tra i soci fondatori di Alleanza Popolare, movimento politico nato nel gennaio 1993, per il quale ha ricoperto i ruoli di capogruppo e presidente. Prima di contribuire alla nascita di Ap ha militato nella Democrazia Cristiana dal 1978 al 1990. Siede in Consiglio grande e generale dal 1993, mentre da agosto 2006 a novembre 2012 ha ricoperto l’incarico di segretario di Stato per gli Affari Interni. Nel suo passato anche un’esperienza sindacale nella Confederazione Democratica dei Lavoratori Sammarinesi.Luca Beccari, per la prima volta come la più alta carica istituzionale, è ragioniere e laureato in economia, è sposato con un figlio.Dal 1997 è dipendente di Banca Centrale dove ha ricoperto diversi ruoli, tra cui responsabile del dipartimento di Tesoreria, mentre attualmente si occupa di relazioni internazionali ed è il responsabile del servizio Compliance.Nel 2006 e per tutta la passata legislatura è stato coordinatore del dipartimento Finanze. Nei suoi incarichi si è occupato prevalentemente di fiscalità, finanza pubblica e sistema bancario. E’ iscritto al Pdcs dal 1993, dal 2010 fa parte del Consiglio centrale e della direzione del partito ed è alla prima esperienza anche in Consiglio grande e generale.

POLITICI E MAFIA A SAN MARINO. LA RELAZIONE INTEGRALE

COINVOLTI VIP DELLA POLITICA E DEGLI AFFARI

SAN MARINO – Bufera a San Marino sui rapporti tra mafia e politica, anche se qualcuno degli interessati già minaccia querele. La relazione della commissione per il fenomeno delle infiltrazioni della criminalità organizzata, lunga più di 100 pagine e letta per 4 ore in consiglio grande e generale, scuote il Titano, come già aveva anticipato NQ due settimane fa. Attraverso la vicenda Fincapital la commissione segna le responsabilità di dipendenti pubblici e politici, entrambi cardine del sistema malavitoso che ha operato a San Marino passando per l’avvocato Livio Bacciocchi e il boss della camorra Francesco Vallefuoco. Sul banco degli imputati della commissione antimafia salgono l’ex capitano reggente, Gabriele Gatti, e l’ex segretario di stato per gli affari esteri, Fiorenzo Stolfi, i quali, accanto al “sottobosco affaristico che ha spalancato le porte a Vallefuoco in territorio sammarinese”, si sarebbero prestati “a coltivare rapporti con persone afferenti al mondo della criminalità organizzata”, conclude la relazione.