Riccione successo assicurato per Night&Day all’Aquafan

Sono ufficialmente iniziate le domeniche all’Aquafan di Riccione targate Night&Day. Il famoso parco divertimento della riviera romagnola ha presentato il suo party con un super ospite d’eccezione, Gabry Ponte. Tutto è iniziato dopo una giornata che ha visto trionfare prima le emozioni sportive, con le finali di Fifa Summer Games, che sono state organizzate da ASD Fury Gaming A.S.D, con la collaborazione del team Empoli FC. A partire dalle ore 18, tutti in Piscina Onde per dare inizio alla musica e soprattutto alle danze!

Musica e divertimento a bordo piscina

Per l’occasione all’Aquafan di Riccione è stato allestito un maxi palco direttamente a bordo piscina, pronto ad animare migliaia di persone che hanno ballato in acqua seguendo la musica del popolare dj. Con il suo ritmo evergreen, Gabry Ponte ha riproposto alcuni grandissimi successi, capeggiati dall’hit della scorsa estate “Che ne sanno i 2000”. Un successo garantito anche dal video stesso della canzone, che in un anno ha fatto registrare qualcosa come 50 milioni di visualizzazioni su YouTube. Da parte sua, Ponte, non ha nascosto la grande emozione, pur riconoscendo di essere un vero leader della consolle e folle pronte a danzare. Ma non è stato lui il solo ospite dell’evento romagnolo!

Molo street parade a Rimini

Il porto di Rimini diventa la scenografia del primo evento organizzato per l’estate nel cuore della riviera romagnola. Il 24 giugno sono arrivati in riviera ben 70 deejay, pronti a trasformare una decina di pescherecci in vere consolle galleggianti. Un bellissimo colpo d’occhio, offerto dai 150 metri quadrati di luci led a illuminare il porto, e divertimento garantito grazie alle casse da 1.400.000 watt che hanno letteralmente invaso le imbarcazioni e la zona.

Rimini è riuscita a portare in Italia la Molo street Parade, puntando su una grande artista, di fama internazionale: la produttrice e musicista Ellen Allien, regina dell’house music. A scaldare gli animi dei partecipanti è stato Fabri Fibra, rapper di punta del panorama musicale italiano che ha scelto Rimini per poter presentare in anteprima il suo tour.

Web Marketing Festival: Il Digital Marketing torna a Rimini

Ritorna per la sua quinta edizione consecutiva una manifestazione che ha lasciato il segno: il “Web Marketing Festival!” punta tutto sul Palas di Rimini, nel tentativo di riunire persone da ogni parte del mondo. Già negli scorsi anni è diventato un evento capace di unire, trasformandosi in un punto di riferimento nazionale sul mondo, parla di rete, nuove formule innovative, legando momento di networking, iniziative sociali, dibattito e soprattutto formazione. La parola d’ordine è realtà digitale.

La proposta del festival è quella di attirare l’interesse di imprese, aziende, ma anche startup, oltre al mondo dell’informazione e soprattutto di un pubblico più giovane.

I temi che saranno trattati al Web Marketing Festival

Tra i numerosi temi che saranno trattati troviamo quello dell’ innovazione, dell’industria 4.0, ma anche accessibilità e digital transformation. Proprio per questo si calcola che possano arrivare almeno 4 mila partecipanti giornalmente, pronti a prendere parte al fitto programma dell’organizzazione, che ha inserito incontri seminari, tanti workshop. Il 23 e 24 giugno sarà possibile scegliere tra tantissime sala del Palas, pronte ad animarsi e regalare spunti su più settori. Nelle zone d’ingresso invece saranno presenti gli stand di almeno 100 aziende che operano sul web sia in Italia ma anche provenienti da tutto il mondo.

Rilanciare il diverto a Rimini: ci pensano i social

Bisogna rilanciare Rimini, meta turistica della riviera romagnola che è da sempre sinonimo di divertimento, soprattutto durante la stagione estiva. Per farlo si utilizzano strumenti efficaci e contemporanei, con tanto di campagne di web advertising avviate sui social network. La parola chiave è “Rimini” ed è da qui che parte il progetto promosso in sinergia da SILB – Confcommercio della Provincia di Rimini e Promozione Turistica Regionale. Usando il nome della località balneare si potrà sostenere l’indicizzazione in rete della meta turistica e quindi intercettare eventuali e potenziali turisti.

L’operazione è sostenuta dall’offerta di eventi e di attività della provincia di Rimini, che si terranno tra discoteche, spiagge e locali da aperitivo. Consultando il sito www.eventidamare.com sarà possibile trovare il programma completo che prevede pacchetti turistici ad hoc pensati sia per i week-end che per le vacanze sul posto. Un altro punto importante sarà la campagna promozionale per individuare giovani ambasciatori o influencer che diventino i portavoce del divertimento riminese. Ogni due settimane si sceglieranno, tra luglio e agosto, 2 giovani che, con smartphone e free pass nei locali potranno raccontare la propria esperienza riminese tra Instagram e Facebook. Il tutto passando da colazione, giornate in spiaggia, street food, apertivi con dj set e serate in discoteca.

CIAVATTA E BECCARI SONO I NUOVI REGGENTI

La nomina è avvenuta ieri. L’ex segretario di Stato per gli Affari Interni è alla sua seconda esperienza come capo di Stato. Prima volta per il collega

san marinoValeria Ciavatta di Alleanza popolare e il democristiano Luca Beccari sono i Capitani Reggenti per il prossimo semestre, dall’1 aprile all’1 ottobre.Ieri c’è stata la nomina da parte del Consiglio grande e generale, al termine del rituale tradizionale che vede i consiglieri prima recarsi in processione alla basilica del Santo per farsi ispirare nella scelta e poi tornare in aula per la votazione a scrutinio segreto. Dopo tre squilli di tromba il Segretario di Stato per gli Affari Interni, Gian Carlo Venturini, ha poi dato l’annuncio dal balcone centrale del Palazzo Pubblico recitando la consueta formula di rito.Una cerimonia antichissima che affonda le sue radici nella notte dei tempi, ovvero agli albori della storia repubblicana.Il primo aprile ci sarà quindi la cerimonia di insediamento che vedrà come oratore ufficiale il presidente della Corte europea dei Diritti dell’uomo, Dean Spielmann.Valeria Ciavatta, alla sua seconda esperienza come reggente dopo quella del semestre ottobre 2003-aprile 2004, è diplomata al liceo classico e laureata in giurisprudenza. E’ sposata e ha due gemelle.Dal 1984 è funzionario dell’Ufficio del Registro e conservatoria dove, con funzioni di vice direttore, è stata responsabile anche dell’analisi dei processi e della innovazione tecnologica.E’ tra i soci fondatori di Alleanza Popolare, movimento politico nato nel gennaio 1993, per il quale ha ricoperto i ruoli di capogruppo e presidente. Prima di contribuire alla nascita di Ap ha militato nella Democrazia Cristiana dal 1978 al 1990. Siede in Consiglio grande e generale dal 1993, mentre da agosto 2006 a novembre 2012 ha ricoperto l’incarico di segretario di Stato per gli Affari Interni. Nel suo passato anche un’esperienza sindacale nella Confederazione Democratica dei Lavoratori Sammarinesi.Luca Beccari, per la prima volta come la più alta carica istituzionale, è ragioniere e laureato in economia, è sposato con un figlio.Dal 1997 è dipendente di Banca Centrale dove ha ricoperto diversi ruoli, tra cui responsabile del dipartimento di Tesoreria, mentre attualmente si occupa di relazioni internazionali ed è il responsabile del servizio Compliance.Nel 2006 e per tutta la passata legislatura è stato coordinatore del dipartimento Finanze. Nei suoi incarichi si è occupato prevalentemente di fiscalità, finanza pubblica e sistema bancario. E’ iscritto al Pdcs dal 1993, dal 2010 fa parte del Consiglio centrale e della direzione del partito ed è alla prima esperienza anche in Consiglio grande e generale.

POLITICI E MAFIA A SAN MARINO. LA RELAZIONE INTEGRALE

COINVOLTI VIP DELLA POLITICA E DEGLI AFFARI

SAN MARINO – Bufera a San Marino sui rapporti tra mafia e politica, anche se qualcuno degli interessati già minaccia querele. La relazione della commissione per il fenomeno delle infiltrazioni della criminalità organizzata, lunga più di 100 pagine e letta per 4 ore in consiglio grande e generale, scuote il Titano, come già aveva anticipato NQ due settimane fa. Attraverso la vicenda Fincapital la commissione segna le responsabilità di dipendenti pubblici e politici, entrambi cardine del sistema malavitoso che ha operato a San Marino passando per l’avvocato Livio Bacciocchi e il boss della camorra Francesco Vallefuoco. Sul banco degli imputati della commissione antimafia salgono l’ex capitano reggente, Gabriele Gatti, e l’ex segretario di stato per gli affari esteri, Fiorenzo Stolfi, i quali, accanto al “sottobosco affaristico che ha spalancato le porte a Vallefuoco in territorio sammarinese”, si sarebbero prestati “a coltivare rapporti con persone afferenti al mondo della criminalità organizzata”, conclude la relazione.

DUE GIORNI CON I GIGANTI DEL CIELO

In occasione di Flying Days sui cieli di Rimini voleranno anche l’elicottero impiegato nelle ricerche della nave Concordia e l’Eurofighter, l’aereo da caccia europeo

RIMINI (T.T.) Dopo 17 anni di assenza, nel cielo riminese tornano a sfrecciare le Frecce Tricolori che, questo fine settimana, si esibiranno in occasione della manifestazione Flying Days organizzata dallo storico Aero Club di Rimini e da Giovanni Casadei in collaborazione con l’Aero Club d’Italia, l’Aeronautica Militare e il Comune di Rimini. Punto focale della manifestazione sarà piazzale Fellini che, per l’occasione, ospiterà gli addetti dell’aeronautica militare che, da terra, dovranno guidare le evoluzioni della Pattuglia Acrobatica Nazionale più numerosa e famosa al mondo. Quello delle Frecce rappresenta l’appuntamento più importante dei due pomeriggi dedicati all’aviazione sia civile che militare. Il sabato pomeriggio sarà dedicato alle prove, che non avranno nulla da invidiare rispetto allo show vero e proprio che si terrà domenica dalle 14.30 alle 17.30 circa. Tra gli assi dell’aviazione civile, si esibirà col suo velivolo Extra 300L Francesco Fornabaio, pilota solista Breitling. Particolarmente interessante il programma messo in campo dall’aeronautica militare che vedrà arrivare l’elicottero HH3F del 15° Stormo di Pisignano, impegnato dal reparto Sar per le operazioni di ricerca e soccorso in mare e utilizzato anche durante la tragedia della Costa Concordia. Il Reparto Sperimentale di Volo fornirà pezzi pregiati come il celebre Eurofighter, l’aereo da caccia di realizzazione interamente europea; il Tornado, che da oltre 20 anni garantisce la sicurezza dei cieli italiani e il C27J, lo straordinario aereo da trasporto truppe bimotore anche capace di acrobazie. Il centro del campo delle acrobazie sarà la spiaggia del Grand Hotel ma sarà possibile ammirare le evoluzioni lungo l’intera costa riminese. In piazzale Fellini verranno allestiti anche alcuni stand dove gli appassionati potranno trovare i gadget delle Frecce Tricolori e provare l’innovativo simulatore che dà la stessa sensazione di pilotare un Eurofighter.

DARIO FO INSEGNA ARTE, SATIRA E STORIA

Presentate ieri a San Marino la seconda e la terza sezione della triplice mostra del premio Nobel, che espone in tre distinti luoghi del centro storico

SAN MARINO Didattica prima di tutto. Dario Focon la sua mostra scende tra il popolo per spiegare, informare, senza nessuna moina da primo della classe. Così, fedele a se stesso, ieri Fo ha inaugurato la seconda e la terza parte della sua mostra sammarinese di cui aveva già inaugurato la prima, a palazzo Sums, la scorsa settimana. Tra il teatro Titano e la pinacoteca San Francesco il premio Nobel espone una serie di nuove opere. Dipinti ispirati a Leonardo e Michelangelo sono al teatro, mentre in pinacoteca la pittura richiama il santo di Assisi “che non amava essere chiamato santo”, come ha detto lo stesso Fo. L’intenzione dell’autore, lo sa fin troppo bene, non è quella di mostrare quanto sia bravo e colto ma è quella di dire ai giovani che “la scuola dovrebbe insegnare che l’arte nasce dal basso, per far capire meglio tutto quello che viene detto nell’arte”. E aggiunge: “Bisogna conoscere, sapere cosa c’è dietro ogni singola opera e il suo autore e capirne i reali significati. La mia vuole essere una mostra didattica”. E l’idea, senza girarci allargo, è proprio quella di insegnare qualcosa, d’informare tutti indistintamente sulla grande arte. A partire da Leonardo da Vinci di cui il genio Fo ha replicato un’opera di piccole dimensioni che descrive con ironia la situazione politica del ‘500. Si tratta, in sostanza, di un’allegoria dei grandi attori politici contemporanei all’artista, che vede la Francia trasformata in un bel giovane, la chiesa “che allora aveva eserciti e banche”, in una donna dalla doppia faccia. Una è affascinante, l’altra invece è il volto di un vecchio dal cui corpo spuntano serpenti.Poi c’è la rappresentazione della donna che stringe un pollo che sta sgozzando e le cui carni sono bramate da vicini cani randagi. Fo spiega: “Quel pollo è l’Italia che tutti volevano saccheggiare, mentre i cani randagi sono Germania, Austria, Spagna”.